venerdì 30 marzo 2012

Covata fotografica di Uova D'autore al Museum & Fashion di Marella Ferrera







Una “covata” senza precedenti che ha riunito insieme nel Museum & Fashion di Marella Ferrera a Catania grandi esponenti del mondo della pittura, della musica, della scultura, del teatro, della fotografia e persino del food
L’occasione, quella del vernissage di “Uova d’Autore”, l’originale collezione di 60 uova di struzzo decorate da artisti, musicisti, cantanti e attori raccolta negli ultimi tre anni dalla stilista Marella Ferrera che ne ha curato il concept espositivo nel suo atelier-museo di Catania.
In mostra sessanta opere e installazioni dove le uova di struzzo – provenienti dai due struzzi femmina  Bibì e Bubù “adottati” dalla stilista -  sono il pretesto creativo intorno a cui dire e raccontare un mondo di creatività e non solo. Quattro gli artisti che hanno affrontato il tema della ri-nascita: il musicista Giovanni Sollima con Placenta, il designer Francesco Giordano con Concepimento, lo scultore Franco Politano con Guerra e Pace e la designer Gabriella Ferrera con Come Natura Crea. E ancora il N’Uovo Spartito del compositore Nicola Piovani, il Giovane Struzzo di Franco Battiato, il Mandolovo di Carmen Consoli che ha voluto rievocare il mandolino e i ricordi legati al padre, l’ Ovòfono del cantautore Luca Madonia, Suli,Terra e Focu di Alfio Antico e Vanità di Donatella Finocchiaro.
In tema anche l'originale aperitivo con gli “struzzichini” realizzati da Andrea Graziano, eclettico e affermato talento del Sale Art Cafè, che ha stupito gli ospiti con delicati accostamenti fra le uova di struzzo – cotte al vapore o a frittata – pesce spada affumicato, frutta e ortaggi di stagione. Il tempo pasquale, ormai alle porte, era celebrato dai pani pasquali e dalle tradizionali “cuddure ‘ccu ll’ovu”, dolci tipici della domenica della Resurrezione in Sicilia, realizzati da Francesco Vescera di Lentini, mentre le liccunìe, specialità esclusiva dell’Antica Dolceria Bonajuto di Modica hanno conquistato gli ospiti con un ardito accostamento tra melanzane e cioccolato.

 “Voleva essere un gioco – afferma Marella Ferrera –  questa collezione di uova di struzzo decorate da personaggi di spicco del panorama culturale: ma adesso che li abbiamo riuniti in questa “covata d’autore” ci  è parso di dar vita a un racconto nuovo: un inno alla vita e alla creatività da condividere con un pubblico grande e, nonostante i tempi, ancora desideroso di conoscere e di stupirsi di fronte alla bellezza”.
 Mentre l’allestimento era alle ultime battute, hanno fatto capolino l’attrice Lucia Sardo e il musicista Franco Battiato, mentre il celebre violoncellista Giovanni Sollima è giunto in serata, nel pieno dell’inaugurazione. Insieme agli autori delle uova in esposizione, centinaia ieri sera i visitatori – e fra loro critici d’arte, giornalisti di settore e addetti ai lavori - che hanno curiosato fra gli originali allestimenti progettati site specific da Marella Ferrera. 
Intanto, l’uovo dell’illustratore satirico Totò Calì avverte: “Se questo mondo non vi piace createne uno…N’Uovo!”.
Una “covata” senza precedenti che ha riunito insieme nel Museum & Fashion di Marella Ferrera a Catania grandi esponenti del mondo della pittura, della musica, della scultura, del teatro, della fotografia e persino del food
L’occasione, quella del vernissage di “Uova d’Autore”, l’originale collezione di 60 uova di struzzo decorate da artisti, musicisti, cantanti e attori raccolta negli ultimi tre anni dalla stilista Marella Ferrera che ne ha curato il concept espositivo nel suo atelier-museo di Catania.
In mostra sessanta opere e installazioni dove le uova di struzzo – provenienti dai due struzzi femmina  Bibì e Bubù “adottati” dalla stilista -  sono il pretesto creativo intorno a cui dire e raccontare un mondo di creatività e non solo. Quattro gli artisti che hanno affrontato il tema della ri-nascita: il musicista Giovanni Sollima con Placenta, il designer Francesco Giordano con Concepimento, lo scultore Franco Politano con Guerra e Pace e la designer Gabriella Ferrera con Come Natura Crea. E ancora il N’Uovo Spartito del compositore Nicola Piovani, il Giovane Struzzo di Franco Battiato, il Mandolovo di Carmen Consoli che ha voluto rievocare il mandolino e i ricordi legati al padre, l’ Ovòfono del cantautore Luca Madonia, Suli,Terra e Focu di Alfio Antico e Vanità di Donatella Finocchiaro.
In tema anche l'originale aperitivo con gli “struzzichini” realizzati da Andrea Graziano, eclettico e affermato talento del Sale Art Cafè, che ha stupito gli ospiti con delicati accostamenti fra le uova di struzzo – cotte al vapore o a frittata – pesce spada affumicato, frutta e ortaggi di stagione. Il tempo pasquale, ormai alle porte, era celebrato dai pani pasquali e dalle tradizionali “cuddure ‘ccu ll’ovu”, dolci tipici della domenica della Resurrezione in Sicilia, realizzati da Francesco Vescera di Lentini, mentre le liccunìe, specialità esclusiva dell’Antica Dolceria Bonajuto di Modica hanno conquistato gli ospiti con un ardito accostamento tra melanzane e cioccolato.

 “Voleva essere un gioco – afferma Marella Ferrera –  questa collezione di uova di struzzo decorate da personaggi di spicco del panorama culturale: ma adesso che li abbiamo riuniti in questa “covata d’autore” ci  è parso di dar vita a un racconto nuovo: un inno alla vita e alla creatività da condividere con un pubblico grande e, nonostante i tempi, ancora desideroso di conoscere e di stupirsi di fronte alla bellezza”.
 Mentre l’allestimento era alle ultime battute, hanno fatto capolino l’attrice Lucia Sardo e il musicista Franco Battiato, mentre il celebre violoncellista Giovanni Sollima è giunto in serata, nel pieno dell’inaugurazione. Insieme agli autori delle uova in esposizione, centinaia ieri sera i visitatori – e fra loro critici d’arte, giornalisti di settore e addetti ai lavori - che hanno curiosato fra gli originali allestimenti progettati site specific da Marella Ferrera. 
Intanto, l’uovo dell’illustratore satirico Totò Calì avverte: “Se questo mondo non vi piace createne uno…N’Uovo!”.







































Nessun commento:

Posta un commento