mercoledì 24 giugno 2015

Save the date- Suggestioni Barocche nell'arte contemporanea- 28 Giugno- 31 Luglio Noto


TaoModa 2015- protagonista all'expo di Milano


TaoModa protagonista a Expo Milano. Tra le più rilevanti del Sud Italia, la kermesse - che si svolgerà a Taormina dall’11 al 18 luglio abbracciando moda, design, cultura, imprenditoria e spettacolo – è stata presentata  giovedì 18 giugno  in anteprima all’Esposizione Universale di Milano, al Padiglione Italia. La rassegna è stata organizzata, tra l’altro, con il patrocinio di Camera Nazionale della Moda Italiana, Expo Milano, Regione Siciliana (assessorati alle Attività Produttive, ai Beni Culturali e Ambientali, del Turismo, dello Sport e dello Spettacolo) Confindustria Catania, Distretto Turistico della Regione Siciliana - Antichi Mestieri Sapori e Tradizioni Popolari Siciliane, Comune di Taormina, Taormina Arte, Parco Archeologico di Naxos. 


Nel corso dell’appuntamento meneghino a Piazzetta Sicilia - location progettata dall’Architetto Laura Galvano - la bellezza e l’eleganza sono state protagoniste proprio alla vigilia della Milan Fashion Week. Special guest il Presidente onorario della Camera Nazionale della Moda Italiana Cav. Mario Boselli e il fondatore di White Milano Massimiliano Bizzi. I premiati delle altre categorie dei prestigiosi Tao Awards saranno annunciati successivamente, durante la conferenza stampa in programma a Taormina il prossimo 7 luglio nello straordinario Palazzo Calanna-La Baronessa. «Numerosi i nomi del mondo della moda, del giornalismo, della televisione, dell’imprenditoria – ha detto Agata Patrizia Saccone – che saranno presenti sul palcoscenico del Teatro Antico di Taormina per la notte dei Tao Awards. Per quanto riguarda la scelta di presentare in anteprima la rassegna Taomoda nella capitale italiana del fashion nell’anno di Expo, ritengo costituisca un valore aggiunto e una forma di rispetto per l’eccellenza del Made in Italy».
In assoluta tendenza con Expo 2015 “Nutrire il pianeta, energie per la vita”, Taomoda ha presentato in esclusiva la Papermilk, la carta morbida al tatto, ricavata da fibre del latte e mescolata a una percentuale di cotone, prodotta dal Gruppo Cordenons che sarà protagonista della rassegna a Taormina.
«TaoModa – continua Agata Patrizia Saccone – è un link tra la Sicilia e l’Europa, che instaura sinergie imprenditoriali, promuove le risorse dell’Italia, è vetrina di prim’ordine che offre spazio alle eccellenze così come ai talenti. Il settore trainante della moda, in grado di innescare un indotto economico ragguardevole, grazie all’appeal del made in Italy, trova riscontro nella realtà siciliana della manifattura che ha consentito, ad esempio, che a San Marco d’Alunzio, in Sicilia, nascesse un polo tessile di prim’ordine, la San Lorenzo Confezioni». L’imprenditore artefice,Filippo Miracula, sarà tra gli ospiti di TaoModa a Expo. Di ricadute positive sul lavoro si parlerà anche al cospetto della rappresentanza sindacale, presente a Milano pure il segretario generale della Cgil di Catania Giacomo Rota. Inoltre, nell’anno in cui si celebra il color Marsala, derivato dal vino liquoroso prodotto in Sicilia e proclamato da Pantone colore 2015, TaoModa, in linea con i tempi e nel rispetto di quelli che sono i temi di Expo, premierà a Milano insieme al Presidente del Gal Terre dell’Etna e dell’Alcantara Cettino Bellia un’etichetta vitivinicola dell’Etna, il “Fischetti Wine”.
 Tra gli ospiti che intervenuti: il presidente della Fondazione Ordine Architetti di Catania Paola Pennisi, il deputato dell’Assemblea regionale Siciliana Concetta Raia, l’assessore al Welfare del Comune di Catania Angelo Villari, Josephine Pace di Confindustria, Matteo Suardi del Gruppo Cordenons, Toni Pellegrino e Cheah Ai May Gina Charity del gruppo Toni&Guy, l’esperta di comunicazione Susanna Bonati, Francesca Catalano dell’Andos, Adriana Santanocito ed Enrica Arena di Orange Fiber.

lunedì 15 giugno 2015

MadeinMedi, la storia della moda a Catania lunga nove anni







"Si riconferma come l'unico evento in grado di parlare e raccontare la moda. Sono orgogliosa di far parte della "famiglia" dell'Accademia euromediterranea Harim di Catania, come docente di Fashion Stylist e collaboratrice come stylist da anni,in prima fila alla sfilata conclusiva del Madinmedi 2015. Evento che ha visto protagonista la moda, quella vera, new fashion designer e new talents del mediterraneo, alla presenza di ospiti prestigiosi del mondo del fashion system".

Un viaggio, tra arte e design, con video, performance e sfilate che, dall’8 al 13 giugno, ha trasformato il sontuoso palazzo Biscari di Catania in un contenitore di creatività e professionalità.

Grandi protagonisti di questa edizione sono stati i ragazzi dell’Accademia Euromediterrana di Catania che hanno avuto l’opportunità di fare conoscere la loro creatività a nomi illustri del fashion system. A visionare, infatti, le collezioni dei ragazzi sono stati il cavaliere del Lavoro Mario Boselli, presidente onorario della Camera nazionale della Moda Italiana che ha anche tenuto un seminario dal titolo “Il presente e il futuro della moda italiana nel mondo”, incontro moderato da Nino Graziano Luca; Roberto Portinari, segretario generale della Piattaforma Sistema Formativo Moda ed il Dott. Mario Dell'Oglio, presidente della Camera Italiana Buyer Moda. Media partner Glamour, DModa, Fashion One e I Love Sicilia.

Ad accogliere gli spettatori della serata conclusiva della design & fashion week, l’avveniristica installazione per YKK "Color Block" realizzata dagli allievi dell’Accademia Euromediterranea, la mostra “Jewel Graduate” con l’esposizione delle preziose creazioni di Sanad AtiaRossella MargaglioRoberta Ruggeri e la stampante 3D by 3D Store Catania con la realizzazione live di un gioiello in resina progettato dagli studenti del III anno di Jewel Design dell'Accademia.

E veniamo alla sfilata che ha portato in passerella le migliori creazioni degli studenti della fashion school siciliana. Il lato oscuro delle persone è il punto di forza da cui è partita Martina Alessandrello per la sua collezione “Erzsébet”. Streghe cieche che, accecate dal proprio ego, perdono la diritta via scegliendo poi direzioni innaturali. In passerella una giovane donna che gioca con maxi strutture per spalline maestose. E’ una retrospettiva la collezione “Cutless” di Caterina Bambara: una visione avveniristica del proprio viaggio interiore: mood sportivo ma con anima glam: armatura geometrica che richiama i frammenti di vetro. E’ invece il colore il protagonista indiscusso di “Metamuse”, fashion designer Elisa Cona. Un total look che oscura l'identità della donna. Assenza di aderenze ma forte presenza di tagli su differenti lunghezze e linee pulite. Tagli classici su tessuti tecnici e sportivi giocano con tonalità sporche. Il total look completa gli outfit rendendoli decisamente dinamici su uomini candidi come la neve di quei paesi amati da Francesca Gangemi e rielaborati nella sua collezione "Es". La filosofia, la cultura ed il modo di intendere la vita in Giappone ispirano totalmente Manuela Indaco. Delicatezza e candore, misto a meraviglia e tristezza. I ciliegi in fiore del lontano Paese del Sol levante sono la sua fonte d'ispirazione per “Hanami”. Il Sole, invece, si riflette sui corpi delle donne vestite da Fabiola Longhitano con outfits che giocano con aperture e lunghezze e forti contrasti cromatici: “Take a bow” (dalla canzone della indomabile regina, Madonna). “Jabberwocky” è il nome della collezione di Valentina Mauro, come la poesia presente nel secondo libro firmato da Lewis Carroll. Ma non una semplice poesia. Alice può leggerla solo se riflessa allo specchio. Shanghai ed i suoi grattaceli. La loro luce nel buio della notte. L'architettura ed il design orientale sono egregiamente espressi nel quartiere The Bund. Chiarezza stilistica, modernità e geometria in un elegante equilibrio. Il gusto minimal del design levantino è la chiave di lettura della collezione firmata da Marzia Giselle Sapienza per il Madeinmedi 2015, così come l'influenza fantascientifica del Cyberpunk: “Shanghainese Bund”. E per concludere con i giovani stilisti dell’Accademia, Dalilà di Sofia Noemi Sgrò: un omaggio alla sorella maggiore che l'ha guidata e continua a farlo nella presa di coscienza di un pensiero politico che spera in una liberazione del nostro Paese da uno stato padrone. Una collezione invernale che, basandosi sul pensiero patriottico, gioca con lo stile degli anni '50 e con le linee stilistiche delle divise militari. Colori scuri con, però, una presenza di tonalità più chiare per dei looks che coprono una donna forte. A completare la collezione, conturbanti accessori dipinti a mano, dai richiami floreali.  Basic colors per gli outfit proposti da Federica Rao. Qui regnano solo tre tonalità, dove la gradazione di mezzo è il punto di contatto tra i due estremi cromatici. Tessuti tecnici mischiati ad altri ci regalano una collezione invernale su altezze battagliere e su accessori che censurano l'identità umana.Durante la sfilata degli allievi Harim sono stati proiettati i fashion film di Tatiana LisiBenedetta Pellizzeri ed i jewel film di Sanad Atia, Rossella Margaglio e Roberta Ruggeri.




Fabiola Longhitano



Federica Rao

Francesca Gangemi

In passerella anche le creazioni di Antonio Attisano, per la categoria Sood Generation: Sinfonia n° 5, è una riflessione estetica sulla Bellezza, linee essenziali che si curvano sinuose ad esaltare la silhouette, delineando un'icona. Immagine a cavallo tra passato e futuro, resa esclusiva dalla scelta del prezioso satin e dall'abbigliamento di tessuti diversi nell'anima, come l'ecopelle e l'organza. E ancora, per l’International Fashion Show dalla Libia Rujji Collection, dall'Egitto Shahira Fawzy, dalla Spagna Moisés Nieto, protagonista della Fashion Week di Madrid e finalista della Vogue Spagna Who’s On Next 2015.




Antonio Attisano




“Il parterre di questa edizione è stato davvero notevole con ospiti di alto livello che hanno ritirato i premi del Madeinmedi - dichiara Marco Aloisi, producer dell’evento – La nostra scommessa è quella di portare sul mercato italiano ed internazionale delle novità, giovani stilisti che possano dare continuità al grande fenomeno del Made in Italy”.











giovedì 11 giugno 2015

Marella Ferrera firma i costumi di " Comme un Souvenir"

Torna al teatro Marella Ferrera, stilista siciliana, firmando i costumi dell’ultima creazione del regista-coreografo belga di origine russa Micha Van Hoecke, produzione del Teatro Vittorio Emanuele di Messina in prima nazionale venerdì 12 giugno nella “Città dello Stretto”.




Dopo aver diretto il Corpo di ballo del Teatro dell'Opera di Roma e passato il testimone all' étoile dell'Opéra di Parigi, Eleonora Abbagnato, Micha van Hoecke ritorna in Sicilia con uno spettacolo che celebra quell’indimenticabile patrimonio di stili ed emozioni che hanno contrassegnato la stagione della chanson française tra musiche, danza e canzoni firmate Montand, Piaf, Charles Aznavour.
Guest d’eccezione Denis Ganio, già stella acclamata nella compagnia di Roland Petit, accanto a Giovanni Renzo, pianista e compositore, Adele Tirante, attrice e cantante, ai danzatori Marta Capaccioli, Rimi Cerloj, Yuri Mastrangeli. Venticinque i danzatori scelti su oltre 300 ragazzi che si sono presentati alla selezione a Messina.
I costumi MF per i “garçon de la rive gauche e i garçon de la rive droite” rimandano ad atmosfere retrò, anni '50;  istantanee della Ville Lumière di notte ed una “fresca” Parigi di giorno.
Musica, canto, parola, gesto, in stretta simbiosi faranno si che il pubblico senta pulsare di nuovo il cuore della Parigi di un tempo…

"Vita", prima collezione della giovane fashion designer Francesca Abate


 Grande successo per la sfilata d’esordio della giovane e talentuosa fashion designer siciliana Francesca Abate. Davanti ad un parterre gremito di giornalisti, blogger e professionisti del settore moda, ha sfilato il suo immaginario creativo ricco di poesia. Lunghe gonne fruscianti in splendide tonalità di turchese intenso e grigio delicato, intervallate nero assoluto, da eleganti trasparenze, pizzi destrutturati e intagliati, tulle ricamati.





Nella suggestiva location di palazzo Biscari a Catania, 10 outfit hanno incantato i presenti. A dare il via alla sfilata è stato uno spettacolo di video mapping, con proiezione di immagini e giochi di luce sul primo abito in passerella. Un vestito da sposa “fuori collezione”, realizzato da Francesca Abate qualche anno fa, che ha creato un collegamento virtuale fra il passato e il presente della giovane stilista.
A seguire, un’atmosfera da sogno fatta di luci soffuse e lampadari di cristallo ha avvolto le altre preziose e raffinate creazioni. Abiti dalle nuance sofisticate, in tessuti arricchiti di cristalli Swarovski cuciti a mano, capaci di emanare luce anche senza riflettori puntati. Corpetti ricamati, veli in trasparenza e tessuti pregiati hanno caratterizzato questo splendido quadro di moda, nel rispetto assoluto della tradizione e della sartoria “Made in Italy”. “Pezzi unici” destinati ad una donna che vuole valorizzare le proprie forme senza mai rinunciare all’eleganza.
Come ogni sfilata che si rispetti, l’ultimo abito ad entrare in scena è stato quello da sposa, in organza di seta e tulle intagliato e ricamato. Un modello femminile e romantico, caratterizzato da una coda di trenta metri sempre di pura organza.




“Non mi aspettavo di vedere la sala così gremita – ha commentato la 27enne stilista catanese – e già questo per me rappresenta una soddisfazione difficile da descrivere. Vita è un sogno che coltivo sin da quando ero bambina. Per questo ringrazio la mia famiglia - e in particolare i miei genitori - che mi hanno sempre invitato a coltivare le mie passioni con sacrificio e costanza. Ora il mio desiderio è proseguire su questa strada”.

Per espresso desiderio di Francesca Abate, la sfilata ha assunto un forte impegno sociale, con la presenza della Lila (Lega italiana per la lotta contro l’Aids). Un banchetto informativo curato dai volontari Lila e soprattutto l’intervento del suo presidente catanese Luciano Nigro hanno ricordato la necessità di prevenire le malattie a trasmissione sessuale e tutelare adeguatamente il proprio corpo. “Nel nostro lavoro - ha detto Nigro - parliamo a tante persone, ma vogliamo rivolgerci soprattutto ai giovani, perché sono ancora in tempo per vivere in modo consapevole. Auguriamo quindi il meglio a Francesca e alla sua collezione e la ringraziamo per averci dato la possibilità di diventare padrini di questa nuova avventura”.


“Per il mio debutto – ha concluso Francesca Abate - ho voluto al mio fianco le persone che stimo e ammiro di più. Ringrazio tutti i professionisti che mi hanno aiutato a realizzare l’evento: Daniele Spitaleri per l’allestimento e la scenografia, Giuseppe De Francesco e Claudio Carpinato per la fotografia, Rodrigo Paolo Giaimis Ramos per lo styling, Corrado Trincali per il make up, Cetti Anastasio per l’hair styling, Valeria Mendolia e Marilena Silla per la gestione del backstage. Un ringraziamento particolare va infine a Salemi Fiori di via Renato Imbriani a Catania per le composizioni floreali, e all’azienda Rossa che nell’aperitivo di chiusura ci ha fatto conoscere il suo amaro a base di pura arancia rossa di Sicilia”

Save the date: Da domani Madeinmedi 2015- nona edizione: appuntamento con mostre, seminari e sfilate


Madeinmedi 2015 entra nel vivo della sua nona edizione: appuntamento con mostre, seminari e sfila
Ultimi due appuntamenti per la nona edizione del Madeinmedi – Mediterranean Design & Fashion Week 2015 che, quest’anno, ha scelto uno dei più antichi palazzi della città, preziosa testimonianza di barocco siciliano: il Palazzo Biscari.
 Domani 12 giugno in programma, alle ore 16 presso la sala meeting “Alessi” dell’Hotel Il Principe di Catania, il seminario dal titolo “Il presente e il futuro della moda italiana nel mondo”. Ospite d’eccezione, il Cavaliere del Lavoro Mario Boselli che, lasciata la presidenza della Camera Moda, è stato nominato Presidente Onorario. Il Made in Italy, e le ragioni della sua straordinaria affermazione, saranno quindi raccontati da uno dei principali testimonial della moda italiana nel mondo. Alle ore 16, presso il Palazzo Biscari, si svolgerà il “Multicasting Are You Ready?”, rivolto a quei giovani che aspirano ad entrare nel mondo del fashion, del cinema e dello spettacolo. Verrà selezionata anche una modella che sarà la protagonista dello shooting fotografico per I Love Sicilia, media partner dell'evento insieme a Glamour, DModa e Fashion One.
 Giorno 13 giugno, al via le sfilate di moda. In una scenografia spettacolare per la sua storia e l’arte che custodisce, in passerella le collezioni degli allievi dell’Harim Accademia Euromediterranea, Sood Generation e l’“International Fashion Show”. In programma la presentazione dell'installazione per YKK "Color Block" realizzata dagli allievi dell’Accademia Euromediterranea e l'inaugurazione della mostra “Jewel Graduate” con l’esposizione delle preziose creazioni di Sanad Atia, Rossella Margaglio, Roberta Ruggeri. A seguire la presentazione della stampante 3D by 3D Store Catania con la realizzazione live di un pezzo di gioiello progettato dagli studenti del III anno di Jewel Design dell'Accademia.
A chiusura dell'evento, la sfilata che si snoderà tra le antiche stanze del palazzo, tra i suoi antichi specchi e le grandi tele raffiguranti i numerosi possedimenti feudali della famiglia Biscari. Apriranno il défilé le collezioni degli studenti dell’Harim | Accademia Euromediterranea: Martina Alessandrello, Caterina Bambara, Elisa Cona, Francesca Gangemi, Manuela Indaco, Fabiola Longhitano, Valentina Mauro, Federica Rao, Marzia Giselle Sapienza, Sofia Noemi Sgrò. Saranno proiettati i fashion film di Tatiana Lisi, Benedetta Pellizzeri e i jewel film di Sanad Atia, Rossella Margaglio e Roberta Ruggeri.
La seconda parte della serata vedrà in passerella la collezione di Antonio Attisano, per la categoria Sood Generation. Per l’International Fashion Show dalla Libia Rujji Collection, dall'Egitto Shahira Fawzy, dalla Spagna Moisés Nieto, protagonista della Fashion Week di Madrid e finalista della Vogue Spagna Who’s On Next 2015.



Nutrito, come di consueto, anche il parterre degli ospiti. Oltre al Cavaliere del Lavoro Mario Boselli, Presidente onorario della Camera Nazionale della Moda Italiana, sarannopresenti anche Roberto Portinari, Segretario Generale della Piattaforma Sistema Formativo Moda ed il Dott. Mario Dell'Oglio, Presidente della Camera Italiana Buyer Moda.

lunedì 8 giugno 2015

"DENIM CHAIRS": NASCE L'ECO DESIGN SICILIANO DAI JEANS ROTTAMATI- Presentati al Sicilia Outlet Village le sedute degli studenti Abadir





«Denim Chairs» si legge letteralmente “sedie di jeans”, ma si traduce con design e riciclo, creatività, sostenibilità, sperimentazione e valorizzazione del territorio. Tutto questo è infatti la nuova iniziativa di Sicilia Outlet Village che, per il terzo anno consecutivo, ha consegnato ai talenti siciliani i vecchi capi usati, per trasformarli in un evento unico nel suo genere e nell’ambito dell’intero territorio nazionale.
Ovatta, corda, legno, secchi in plastica e tanto tessuto denim, declinato secondo i molteplici usi e forme che una seduta d’arredamento può avere: da un semplice sgabello nasce una “medusa” con frange in jeans, da un’apparente valigia viene fuori un seat-case portatile, e poi una comoda sella “rodeo”, un avventuroso payback, fino all’elegante sedia “Fidelio” interamente ricoperta dall’intramontabile blu del denim. Questi i progetti – presentati ieri (29 maggio) nella sede direzionale di Sicilia Outlet – realizzati dagli studenti dell’Accademia di Design e Arti Visive Abadir di Catania, diretta da Lucia Giuliano, e partner del Village in questa edizione 2015 dell’evento.


Trenta in tutto le sedute realizzate durante il workshop creativo diretto dal designer Giorgio Laboratore, che così racconta l’intensa settimana di «ricerca e ottimizzazione delle idee e delle risorse»: «I ragazzi – ha detto – hanno rielaborato il jeans scomponendolo in tutte le sue parti, e focalizzando l’attenzione sugli elementi più iconici, come le tasche, i bottoni, le cuciture. L’obiettivo era creare oggetti riproducibili, di design e non di arte, per metterli a disposizione delle abitazioni e degli uffici, per portare la reale innovazione eco-sostenibile nelle nostre case».
I progetti infatti saranno fruibili al pubblico proprio negli spazi di Sicilia Outlet Village, nell’ottica della continua interazione con il territorio. Le sedute sono state realizzate con i capi usati che gli stessi visitatori hanno portato all’Outlet in occasione della promo “Rottama il tuo jeans”, organizzata nelle prime due settimane di maggio in collaborazione con la concessionaria ComerSud. Una sperimentazione quindi non fine a sé stessa, ma che si evolve in una mostra visitabile gratuitamente, secondo gli orari del Village (giorni feriali dalle 10 alle 20, e festivi dalle 10 alle 21).
Questi i nomi dei sedici giovani designer di Abadir, tutti siciliani e poco più che ventenni, protagonisti del workshop: Raffaele Caruso, Rosario Cosentino, Sergio Costa, Carla Garipoli, Giulia Garozzo, Placido Guglielmo, Cristian Laisa, Alessandro La Porta, Mariagrazia Occhipinti, Roberta Palazzolo, Antonio Santisi, Alessia Saporita, Andrea Scaduto, Francesco Scivoli, Emanuele Torrisi, Fabrizio Zito. «Denim Chairs è stata per noi – hanno dichiarato – un’opportunità importante e reale di affacciarci ne, sapendo rispondere alle difficoltà stesse della concretizzazione. Un’occasione stimolante per metterci alla prova, e di cui andiamo orgogliosi».al mondo produttivo, in tutti i suoi aspetti, dalla fase progettuale fino alla realizzazione.










Il Cavalier del Lavoro Mario Boselli al MADEINMEDI 2015


 Si arricchisce il parterre di ospiti illustri che prenderanno parte al prestigioso appuntamento con la Moda a Catania.  Il MADEINMEDI – Mediterranean Design & Fashion, alla sua nona edizione, fa crescere ancora una volta il suo livello culturale e artistico. Quest’anno, grande attesa per la presenza del Cavaliere del Lavoro Mario Boselli, Presidente onorario della Camera Nazionale della Moda Italiana che terrà, giorno 12 giugno alle ore 16 presso la sala meeting “Alessi” dell’Hotel Principe di Catania, il seminario dal titolo “Il presente e il futuro della moda italiana nel mondo”.

Dopo 15 anni di guida sicura del grande business della moda italiana, attraverso una stagione spesso anche difficile per le aziende del lusso (colpa della crisi), il Cavaliere del Lavoro Boselli ha lasciato la presidenza della Camera Moda ed è stato nominato Presidente Onorario. Girerà il mondo per promuovere il fashion made in Italy e soprattutto le collaborazioni internazionali della Camera.

Il Made in Italy, e le ragioni della sua straordinaria affermazione, saranno quindi raccontati da uno dei principali testimonial della moda italiana nel mondo. Nella prima parte dell’incontro il Cavaliere del Lavoro Boselli percorrerà i suoi 15 anni di attività come presidente della Camera trascorsi in prima linea per promuovere e favorire il processo di internazionalizzazione delle imprese italiane, oltre che incrementare e favorire l’export della moda italiana verso il resto del mondo.

A seguire un dibattito, al quale prenderanno parte gli studenti dell’Accademia Euromediterranea di Catania, sul passato, presente e futuro di un mondo che traina l'economia italiana e rappresenta all'estero il miglior fascino del nostro Paese.

Il Cavaliere del Lavoro Boselli sarà presente anche alla sfilata di moda che si terrà giorno 13 giugno presso il Palazzo Biscari dove riceverà il premio MADEINMEDI 2015 alla carriera.