venerdì 27 gennaio 2012

Marella Ferrera dice no ad Altaroma 2012

La stilista catanese Marella Ferrera dice no alla nuova edizione della settimana della moda romana Altaroma 2012 al quale partecipa da anni diventando un'istituzione per i suoi abiti sempre sorprendenti e legati alla sua terra. Ed è proprio per il suo coerente e forte legame alla sua isola che ha deciso di non partecipare a questa edizione, ma dietro questa scelta c'è molto di più.



Ecco uno stralcio del comunicato con la dichiarazione della stilista catanese all'agenzia di stampa Asca: 
Prima grande assente Marella Ferrera, che quest'anno dopo un ventennio di passerelle romane ha deciso di non partecipare pensando principalmente alla crisi economica: ''che ha investito anche il settore del lusso''. Come la stilista ha scritto nella lettera inviata all'organizzatrice della kermesse Silvia Venturini Fendi il 22 dicembre 2012. ''In questo momento ho vissuto la crisi, come ispirativa, tutto va ripensato, ridisegnato. Non bisogna abbandonare il proprio lavoro, ma per poterlo fare e vivere all'interno di un mercato si esige un taglio di costi, partendo dalla promozione del prodotto stesso, uno dei percorsi economici piu' insostenibili per il consumatore finale. Se invece riesco a ridurre questi costi riesco anche a ridurre il costo finale. Io scrivo con gli abiti, racconto con gli abiti e assorbo tutto cio' che accade intorno. Albert Einstein nel '29 scrisse: ''Chi supera la crisi supera se stesso''. Noi non siamo nel ''29 abbiamo molte piu' chance perche' non dovremmo ripartire da questo?'', ha detto all'ASCA la stilista. ''La presentazione della mia collezione primavera estate 2012/2013 sara' fatta qui a Catania e non escludo un grande evento volto al mediterraneo, magari su una delle nostre isole piu' ferite, forse anche Lampedusa. Io personalmente non rinuncio alla bellezza e non rinuncio al fatto di poterla creare proprio ''nel continente...'' chiamato Sicilia'', ha concluso.


Finale di sfilata della stilista alla scorsa edizione AltaRoma 2011


Nessun commento:

Posta un commento